lunedì 13 luglio 2009

Le poche certezze

Esistono certezze e certezze, ognuno sviluppa le proprie. Oggi io ne ho almeno tre, il che fa di me una persona particolarmente fortunata. Sono dunque certa che: il moment faccia passare il mal di testa, che Coming Soon Television sia un buon ipnotico per cervelli stanchi e che il sushi abbia una dimostrabile influenza come antidepressivo. Da queste osservazioni chiunque può facilmente dedurre che soffro di emicrania, ho il cervello stanco e sono incline a forme di depressione. È grosso modo esatto, ma queste patologie hanno oggi un rimedio. Il moment è forse l'unico farmaco che assumo senza temere per l'incolumità dei miei organi interni, l'unico insomma a passare il test del bugiardino, una prova da me inventata per mettere in relazione il mio livello di ipocondria con gli effetti collaterali, in certi casi fatali, che di norma accompagnano anche il farmaco all'apparenza più innocuo. Butto quindi giù una compressa bevendo una sorsata dalla bottiglietta d'acqua ormai tiepida che tengo sempre in borsa. Per quanto riguarda il diabolico canale tematico dedicato a Coming Soon, adoro parcheggiarci sopra i quattro neuroni che arrivano incolumi al fondo di queste giornate. È una forma di ipnosi cui mi sottopongo volontariamente, specie in orari che prevedano il ripescaggio a richiesta di trailers vecchissimi di film che ho già visto e che so già come vanno a finire. Zero effetto ansia, zero aspettative, zero sforzo interpretativo. Li fisso senza muovere le palpebre, addivanata con le gambe distese, i piedi sul tavolino di fronte e le scarpe abbandonate in qualche zona dell'ingresso. Oltre alle scarpe ho seminato per la casa due borse, un mazzo di chiavi, uno dei due cellulari che sono costretta a portarmi dietro, in un vortice di reperibilità comandata, tre giornali e due libri, quattro noccioli di pesca e i semini dell'anguria. Già che c'ero mi sono anche liberata di quel vestitino bon ton da educanda che oggi indosso per trasmettere un rassicurante messaggio di affidabilità e competenza. Dal divano mi allungo sul cellulare più vicino e pesco il numero di japs, che tengo in memoria nella rubrica: “Plonto, japs, cosa posso fale pel lei?”. Il solito: consegna di sushi a domicilio.

12 commenti:

Alessandra ha detto...

Fortunata ad avere ben tre certezze. Da giorni mi aggiro nei meandri della mia esitenza e della mia mente alla ricerca di un solo pensiero che possa rappresentare, se non una vera e propria certezza, almeno una
"verità da appiglio". Magari seguo il tuo esempio e provo con il sushi!

Fabietto82 ha detto...

L'ho sempre detto che le alghe sono sottovalutate!

mich ha detto...

@alessandra: tre certezze al giorno sono il minimo che cerco di garantirmi. Oggi ad esempio sono certa di avere addosso un solo orecchino spaiato, di avere ben 5 dita ad entrambe le mani e di non aver ancora ballato il tiptap.

@fabietto: vero! sottovalutiamo le alghe e diamo tutta quell'importanza all'olio extravergine d'oliva. ma ti pare?
;)

splendidi quarantenni ha detto...

Io che sono più anziano, sono passato al moment act. Ma ormai mi fa sempre meno.
Il Sushi è perfetto come antidepressivo, specie se associato al sesso rassicurante.
La tv non riesco più a guardarla. Colpa dei blog.
Bello, il tuo, a proposito

DjJurgen ha detto...

Ciao Mich, su Coming Soon siamo perfettamente d'accordo. L'unico inconveniente è che, il più delle volte, lo guardo a casa della mia ragazza, scatenando le sue ire (l'unica volta che mi ha concesso di guardarlo è stato quando hanno messo il trailer di "la rivolta delle ex", guarda un pò)... niente relax, quindi, ma va bene lo stesso! :D

Squilibrato ha detto...

Almeno puoi parlare di certezze. Tutte le mie si sono autodistrutte tempo fa, con l'apposito pulsante.
Almeno puoi parlare di 4 neuroni. Penso di averne meno e (questa è una certezza, quindi mi nego da solo) sono molto stanchi.

Un po' di sushi anche pel me, se sei certa funga da antidepressivo.

mich ha detto...

@splendidoquarantenne: finché c'è moment c'è speranza. e non ho intenzione di veder vacillare la mia certezza in proposito. ti prego: non dirmi più che funziona sempre meno

@DjJurgen: non credo di resistere un giorno senza la mia dose di trailers. spesso è il mio momento preferito persino al cinema

@Squilibrato: pare che l'ultima frontiera siano i nigiri con lo xanax, ma non ho ancora fatto l'esperimento

m ha detto...

A me favano lo stesso effetto la gazzosa, il Maurizio Costanzo e i krapfen, ovviamente alla crema e con quella punta di vaniglia che piegherebbe anche il ferro.

Favano non è un errore, forse una licenza.

mich ha detto...

@m: il maurizio costanzo? wow! sai che non ci avevo mai pensato? quanto ai krapfen parli con una professionista

Carlo De Petris ha detto...

parlare di sushi mi fa tornare in mente certe puntate dell'anime GTO in cui si parla dei sushi di ventresca superiore :)

riguardo la depressione, direi che è diventata una barca bella affollata, già già.


Ah, anche io sono un addicted dei momenti a tutto trailer di Coming soon, i miei preferiti però sono quelli dei film in lingua originale ancora non arrivati da noi ;)

mich ha detto...

@carlo: non conosco GTO e mi chiedo cosa sia il sushi di ventresca superiore. così, a orecchio, credo che posso comunque fare a meno di scoprirlo...
quanto alla lingua originale nei trailers mi trovi d'accordo (a patto che non si tratti di una delle serate di cui sopra: troppo impegnativo!)

Anonimo ha detto...

Yes undoubtedly, in some moments I can bruit about that I agree with you, but you may be in the light of other options.
to the article there is even now a without question as you did in the downgrade delivery of this request www.google.com/ie?as_q=tweak now reg cleaner pro 3.0.2 ?
I noticed the catch-phrase you procure not used. Or you use the dark methods of helping of the resource. I have a week and do necheg