giovedì 10 dicembre 2009

Pensiero spaesato


Ma quando penso che non devo pensare a un certo pensiero pensato, in realtà a cosa sto pensando? A quel certo pensiero impensato oppure a un pensiero sperato? O forse è un pensiero smarrito?


16 commenti:

Gary Coopo ha detto...

la seconda che hai detto

splendidi quarantenni ha detto...

Buona la prima, per me.

Paolo ha detto...

Ciao Mich:-)
Escluderei il pensiero impensato perchè lo hai pensato, ecluderei il pensiero smarrito perchè se smarrito non sarebbe nei tuoi pensieri...dunque rimane il pensiero sperato...che disperatmente ti neghi per non soffrire...Ciao Gioia, la fattura arrivverà in seguito, saldare a vista con baci e bacietti

mich ha detto...

@ gary, il pensiero sperato?

@ splendido, tu voti l'impensato? o meglio l'impensabile?

@ paolo, pensiero sperato domina attualmente la classifica per 2 a 1

Gary Coopo ha detto...

secondo me e' "quelo"

mich ha detto...

@ gary :D ovvio, come ho fatto a non arrivarci subito?!

Laura ha detto...

Io non so, Mich... Io credo sia un pensiero sperato (sarà che sono i miei "preferiti"... Insomma, ne ho in abbondanza!)

biondatinta ha detto...

senz'altro e' un pensiero sperato,
perche', come la speranza, anche i pensieri sperati sono gli ultimi a morire. e direi che ne abbiamo tutti da vendere...quasi quasi potremmo scambiarceli, chissa' che gira e rigira non diventino pensieri pensabili...
un bacio!

Anonimo ha detto...

Ohi! Quando pensi, pensi. La tua mente infilza il pensiero come uno spazzino infilza una cartaccia col suo punteruolo. Vuoi sapere cos'è? Alza la cartaccia fin davanti agli occhi e memorizza.
Poi, buttala.

Danilo

Vittoria A. ha detto...

Buona la prima anche per me. quando uno cerca di non pensare a qualche cosa in realta' ci sta pensando, almeno credo.

mich ha detto...

@ laura io ho un catalogo di pensieri sperati (e anche di pensieri che vorrei pensati da altri pensatori)

@ biondatinta ci sto! organizziamo uno swapping party per scambiarceli insieme alle borsette vintage!

@ danilo, saggio, incisivo, ragionevole. moh me lo segno

@ vittoria, lo temevo

Occhi di Notte ha detto...

che scioglilingua filosofico... quando pensi che non devi pensare a quel pensiero, pensi a quel pensiero anche se non ci devi pensare.
bypassi tutto non pensando e facendo altro senza pensare che non devi pensare, ma pensando a qualche altro pensiero meno.... problematico..

ghirigori baumann ha detto...

ti risponderò così:

Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
E' frusco il Lonfo! E' pieno di lupigna
arrafferia malversa e sofolenta!
Se cionfi ti sbiduglia e ti arrupigna
se lugri ti botalla e ti criventa.
Eppure il vecchio Lonfo ammargelluto
che bete e zugghia e fonca nei trombazzi
fa lègica busìa, fa gisbuto;
e quasi quasi in segno di sberdazzi
gli affarferesti un gniffo. Ma lui zuto
t' alloppa, ti sbernecchia; e tu l'accazzi.
(Fosco Maraini)

ndr ha detto...

secondo me, secondo me.
cosa intendi per "pensiero"? intendi "tutto" il pensiero?
mi spiego con qualcosa di banale:
un libro mi ha colpito tantissimo e fatto pensare a certe cose, ma ora voglio evitare di pensare a quelle cose.
le parole "quelle cose", per te, rappresentano già il "pensiero", oppure no? perché potrebbero essere considerate, ad esempio, come il "titolo" del pensiero. e ricordarsi il "titolo" di una cosa, non vuol dire per forza mettersi a pensare a tutto ciò che sta dietro quel titolo.
certo, non si può dire neppure che sia un NON pensare a quella determinata cosa, ma.
è come essere ad un bivio, in cui da una parte c'è il pensiero che non vuoi pensare. fermarti al bivio e pensare a dove andare, forse non è come imboccare il sentiero del pensiero che non vuoi pensare.
certo ha una bella calamita, quel pensiero.
di solito, io finisco col pensarci, e per liberarmene ci penso fino a che non mi satura.
va beh.
ciazzzzzzzzzzzzzzzzzz (-:

ndr

La Strega ha detto...

Forse stai solo comiciando a fare spazio per un nuovo pensiero??

mich ha detto...

@ occhidinotte, problematico già...

@ ghirigori hai interpretato al meglio il tuo ruolo di lettore e commentatore!

@ ndr stai ben messo pure tu vedo. la saturazione è una strada percorribile, ma non mi risulta abbia mai funzionato (senz'altro meno dell'elettroshock)

@ strega può essere in effetti (a volte la soluzione è semplice)